OBBLIGHI, RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO

Cosa bisogna fare per essere in regola con la sicurezza sul lavoro? Come è possibile evitare sanzioni?

Il D.lgs. 81/08 indica quali obblighi e responsabilità devono rispettare le figure coinvolte nello scenario lavorativo, considerando che, l’inosservanza di tali principi, comporta ingenti sanzioni economiche.
L’art. 17 del d.lgs. 81/2008 sancisce per il datore di lavoro gli obblighi non delegabili, ossia non trasferibili ad altro soggetto, di:

  • Valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori presenti nell’azienda o nell’unità produttiva di cui egli ha la responsabilità ed elaborare il Documento di valutazione dei rischi (DVR);
  • Designare il RSPP;

OBBLIGHI, RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO

Il Datore di Lavoro, in particolare, deve:

  • Valutare i rischi con l’elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR);
  • Indicare il programma delle misure di prevenzione idonee a garantire i livelli di sicurezza
  • Dotare i propri lavoratori dei dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • Individuare e nominare i soggetti in grado di contribuire alla tutela della salute dei lavoratori:
    • Il responsabile del servizio prevenzione e protezione, il RSPP (il datore di lavoro può anche autonominarsi);
    • Il Medico Competente (MC);
    • L’addetto alle emergenze e antincendio;
    • L’addetto primo soccorso;
  • Informare, formare e addestrare i lavoratori sui rischi specifici e sulle misure di sicurezza da adottare;

Il Datore di lavoro è tenuto altresì a vigilare in ordine all’adempimento degli obblighi in capo a preposti, lavoratori, progettisti, fabbricanti, installatori, Medico Competente, fermo restando l’esclusiva responsabilità dei soggetti obbligati, qualora la mancata attuazione degli obblighi a loro imputati, sia addebitabile unicamente agli stessi e non sia riscontrabile un difetto di vigilanza del datore di lavoro e dei dirigenti.
Il Dirigente, nell’ambito delle competenze e dei poteri che gli sono riconosciuti deve:

  • Predisporre le misure di sicurezza in sintonia con il datore di lavoro;
  • Impartire istruzioni e ordini precisi per la migliore esecuzione del lavoro;
  • Vigilare che le istruzioni vengano eseguite;
  • Incaricare i preposti affinché svolgano mansioni di controllo e vigilanza;

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ha il compito di:

  • Individuare i fattori di rischio e le misure per la sicurezza sul lavoro, coordinando la stesura del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi);
  • Elaborare le misure preventive e protettive necessarie, fornendo ai lavoratori le informazioni sui rischi dell’attività;
  • Proporre programmi di informazione e formazione dei lavoratori.

Il Preposto deve:

  • Vigilare sull’osservanza degli obblighi da parte dei lavoratori e delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
  • Segnalare tempestivamente le deficienze di mezzi e attrezzature di lavoro, dei DPI e la presenza di particolari rischi;
  • Frequentare appositi corsi di formazione;

Il Medico Competente ha l’obbligo di:

  • Effettuare gli accertamenti sanitari ed esprime i giudizi di idoneità verso la mansione specifica;
  • Istituire e aggiornare la cartella sanitaria e di rischio;
  • Fornire informazioni ai lavoratori sugli accertamenti sanitari;
  • Collaborare all’attività di formazione e informazione;

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), invece, ha la possibilità di:

  • Accedere a tutti gli ambienti di lavoro e proporre piani di miglioramento per la salute dei lavoratori;
    • Può consultare il DVR e il registro infortuni;
    • Deve partecipare alle riunioni e ai sopralluoghi del medico competente e degli organismi di vigilanza;
    • Prende parte alla riunione periodica con il RSPP;

Totalmente diversi sono, invece, gli obblighi e le responsabilità del lavoratore:

  • Utilizzare correttamente i macchinari, gli utensili e i DPI (es. elmetto, occhiali, guanti..);
  • Segnalare le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di sicurezza e le condizioni di pericolo
  • Può prendere parte alle squadre di emergenza (antincendio e primo soccorso);
  • Non deve modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di controllo;
  • Sottoporsi ai controlli sanitari previsti;
  • Frequentare i corsi di formazione previsti;

 

Condividi

 

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO CERTIFICATO

Dal 2020 FT Consulting ha conseguito, attraverso l'ente di certificazione International Testing & Certification, la certificazione del sistema di gestione intergato Qualità ISO 9001, Ambiente ISO 14001, Sicurezza ISO 45001.

Privacy & Cookie | Design by FT Consulting 2017 | P. IVA 12708531004 - REA 1394598